intestazione

ARCHIVIO

 

DENTRO UN SOLE GIALLO (2005)

MEMORIE DI UN TERREMOTO Una produzione ERT Debutto: martedì 15 febbraio 2005

Teatro de Los Andes - Emilia Romagna Teatro Fondazione
Modena, Teatro delle Passioni

costumi

Teatro de Los Andes

musiche

CÚsar Brie

con

Lucas Achirico, Daniel Aguirre, Gonzalo Callejas, Alice Guimaraes

musiche

Cergio Prudencio, Bolero di Sipe Sipe, Luzmila Carpio, inno sportivo "sanos y fuertes"

con

Lucas Achirico, Pablo Brie

consulenza musicale

Lucas Achirico e Pablo Brie

scenografie

Lucas Achirico

costumi

Soledad Ardaya e Danuta Zarzyka

aiuto regia

Mercedes Campos

oggetti di scena

Gonzalo Callejas

produzione

Teatro de Los Andes - Emilia Romagna Teatro Fondazione


La notte del 22 maggio 1998 un violento terremoto colpý la Bolivia. Il sisma provoc˛ decine di morti e centinaia di feriti. La comunitÓ internazionale si mobilit˛ inviando ogni genere di aiuti e il governo boliviano organizz˛ la distribuzione degli aiuti e la ricostruzione. Ben presto, per˛, iniziarono a circolare voci sempre pi¨ insistenti di furti, di fondi deviati e di abusi sulla popolazione.
CÚsar Brie e la sua compagnia del Teatro de Los Andes hanno trascorso molto tempo nelle zone colpite dalla scossa, hanno raccolto testimonianze e dato vita ad uno spettacolo di straordinaria forza e umanitÓ. "Sembra - scrive Brie - che sempre in un terremoto convivano generositÓ disinteressata ed egoismo, meschinitÓ e solidarietÓ."


********
Questo lavoro si compone di due atti che potrebbero essere indipendenti, come due movimenti musicali. Il primo atto, Il danno, Ŕ incentrato sul fenomeno del terremoto in se stesso: una forza casuale e indifferente che in una manciata di secondi distrugge cittÓ, vite, famiglie.
Il secondo atto, La beffa, racconta della vita quotidiana dopo il terremoto, e della corruzione. Una sciagura cessa di fare notizia nel momento in cui coloro che ne sono stati colpiti cominciano a fare i conti con essa. Quando le telecamere si spengono e i giornalisti se ne vanno, i superstiti iniziano a conoscere il terremoto, a convivere giorno dopo giorno con la distruzione, a ricostruire.

Abbiamo indagato dinamiche e forme di una simile catastrofe, i piccoli e ben rodati meccanismi della pratica del male, della stupiditÓ e dell’indifferenza. Siamo convinti che si tratti di meccanismi universali, al di lÓ dei nomi particolari che di volta in volta assumono. Per questo motivo, non facciamo nomi nel nostro lavoro. Sarebbe diventato un libro bianco di denuncia o una sorta di romanzone pieno di personaggi che nessuno sarÓ mai in grado di ricordare.
In un documento a parte, che distribuiamo insieme al programma di sala, abbiamo per˛ voluto dar conto di ogni singolo episodio di corruzione, di ogni responsabile, dello stato di ogni processo, delle pene comminate e delle possibili impunitÓ. Se la nostra opera Ŕ un fatto artistico, quelle pagine costituiscono un dovere civile. Le due cose sono, per noi, inscindibili.

Vogliamo ringraziare, infine, gli abitanti di Aiquile, Totora e Mizque e delle comunitÓ di Antakawa, Loma Larga, Chijmuri, Hoyadas e Chakamayu. Vorremmo che questo nostro lavoro fosse all’altezza della loro sinceritÓ e non tradisse la generositÓ e la disperazione delle testimonianze che ci hanno affidato. E vorremmo con questo lavoro contribuire a combattere la cleptocrazia imperante nei partiti e nelle istituzioni che ha finito per dissanguare il paese.

La nostra democrazia smetterÓ di essere una beffa solo quando rientreremo in possesso dei dritti fondamentali (eliminazione della miseria, giustizia, trasparenza): solo allora potrÓ chiamarsi davvero, senza ombra di sarcasmo, democrazia.
CÚsar Brie


BIOGRAFIE

Compagnie

Teatro de los Andes

Artisti

CÚsar Brie



IMMAGINI

 

NUOVO SITO

Clicca qui per accedere al nuovo sito di Emilia Romagna Teatro Fondazione.

Emilia Romagna Teatro Fondazione, Modena
realizzazione sito internet Web and More S.r.l.