intestazione

ARCHIVIO

 

BIOGRAFIE: Claudio Longhi

Nato a Bologna, nel 1966, Claudio Longhi si è laureato in Letteratura Italiana, col Chiar.mo Prof. Ezio Raimondi, presso l’Università di Bologna; attualmente è Professore Associato confermato in Discipline dello Spettacolo presso l’Università IUAV di Venezia. Nel 1996 ha pubblicato l’edizione critica di Orlando furioso. Un travestimento ariostesco di Edoardo Sanguineti, tra il 1997 e il 1998 ha curato i ‘libri’ di argomento teatrale di Encyclomedia – Guida multimediale alla storia della civiltà europea diretta da Umberto Eco (sezioni: Il Cinquecento, Il Settecento e L’Ottocento). Per l’editore Pacini ha pubblicato: La drammaturgia del Novecento. Tra romanzo e montaggio (1999) e Tra moderno e postmoderno. La drammaturgia del Novecento (2001). Presso la casa editrice Gedit ha dato alle stampe il volume Scrittura per la scena e metafisica. Livelli di realtà o realtà dei livelli? Il dramma della scienza prima nel teatro del Novecento (2004). Presso l’Ets di Pisa è uscita la monografia L’«Orlando furioso» di Ariosto-Sanguineti per Luca Ronconi (2006). Per la Rizzoli, in collaborazione con Federico Condello, ha curato la silloge di traduzioni teatrali da lingue classiche di Edoardo Sanguineti Teatro antico. Traduzioni e ricordi (2006). Nel maggio 2010 ha infine pubblicato presso la casa editrice «Le Lettere» di Firenze la sua più recente monografia: Marisa Fabbri. Lungo viaggio attraverso il teatro di regia. Dal 2007 collabora con l’Archivio Multimediale degli Attori Italiani (AMAtI), diretto dal Chiar.mo Prof. Siro Ferrone, per il quale ha curato le voci Marisa Fabbri (2008) e Franco Branciaroli (2010).
Al lavoro di ricerca – essenzialmente dedicato allo studio della drammaturgia ‘moderna’, così come all’indagine intorno alla storia dell’attore e alla nascita ed evoluzione del linguaggio registico –, Longhi affianca l’impegno teatrale attivo: tra il 1993 e il 1995 ha lavorato come assistente con il M° Pier Luigi Pizzi e con il M° Graham Vick; tra il 1995 e il 2002 ha invece collaborato stabilmente con il M° Ronconi in qualità di assistente prima e regista assistente poi. A cominciare dal 1999, Claudio Longhi ha inoltre firmato in proprio la regia di spettacoli per il Teatro di Roma (Democrazia, con Marisa Fabbri) e per il Teatro de Gli Incamminati (Moscheta, Cos’è l’amore, Caligola, tutti con Franco Branciaroli). Nel 2002 ha diretto, per il Piccolo Teatro di Milano, Ite missa est di Luca Doninelli; nel 2004 La peste di Albert Camus (co-produzione tra il Teatro Stabile di Torino e il Teatro de Gli Incamminati; con Franco Branciaroli, Massimo Popolizio e Warner Bentivegna) e Edipo e la Sfinge (co-produzione tra il Teatro Stabile del Veneto e il Teatro de Gli Incamminati; con Franco Branciaroli e Lino Guanciale); nel 2005 Lo Zio – Der Onkel di Franco Branciaroli (co-produzione tra il Teatro Stabile di Torino e il Teatro de Gli Incamminati; con Franco Branciaroli e Ivana Monti) e la prima rappresentazione italiana di Storie naturali di Edoardo Sanguineti (co-produzione tra Università di Bologna e Comune di Bologna). Sempre nel 2005 ha poi diretto per lo Stabile di Torino e lo Stabile di Parma il ‘cabaret filosofico’ Leopardi. Nel febbraio 2006, nell’ambito del Progetto Domani legato alle Olimpiadi Invernali di Torino, insieme a Luca Ronconi ha firmato la regia di Biblioetica. Dizionario per l’uso di Gilberto Corbellini, Pino Donghi e Armando Massarenti. Nel 2007 ha diretto per la Compagnia degli Attori Permanenti del Teatro Stabile di Torino, Teatro Due di Parma e Teatro di Roma La folle giornata o Il matrimonio di Figaro di Pierre-Augustin Carron de Beaumarchais. Nella stagione 2007-2008 ha collaborato in qualità di assistente con il M° Eimuntas Nekrošius per la messa in scena di Anna Karenina (coproduzione Emilia Romagna Teatro e Teatro Biondo Stabile di Palermo) e ha curato per Zètema le visite-spettacolo I mercati invisibili ai Mercati Traianei di Roma, da un’idea di Alessandra Ferrando. Nella stagione 2009/2010 ha infine portato in scena Io parlo ai perduti. Le vite immaginarie di Antonio Delfini per Emilia Romagna Teatro Fondazione e Omaggio a Koltès (Voci sorde-Sallinger-Nella solitudine dei campi di cotone) per il Teatro di Roma.
Dall’anno accademico 2005-2006 insegna Storia del Teatro presso la «Scuola del Piccolo Teatro di Milano» per la formazione di giovani attori.


PRODUZIONI RELATIVE:

LA RESISTIBILE ASCESA DI ARTURO UI LA RESISTIBILE ASCESA DI ARTURO UI (2011) Una produzione ERT in scena di Bertolt Brecht
musiche originali Hans-Dieter Hosalla
traduzione Mario Carpitella
con Umberto Orsini
e con Nicola Bortolotti, Simone Francia, Olimpia Greco, Lino Guanciale, Diana Manea, Luca Micheletti, Michele Nani, Ivan Olivieri, Giorgio Sangati, Antonio Tintis
regia Claudio Longhi
Dramaturg Luca Micheletti
scene Antal Csaba
costumi Gianluca Sbicca
luci Paolo Pollo Rodighiero
altre musiche Fryderyk Chopin, Hanns Eisler, Friedrich Hollaender, Rudolf Nelson, John Ph Sousa, Mischa Spoliansky, Johann Strauss figlio, Kurt Weill
fisarmonica e arrangiamenti Olimpia Greco
produzione Emilia Romagna Teatro Fondazione, Teatro di Roma

NEGLI ANNI

BIOGRAFIE

NUOVO SITO

Clicca qui per accedere al nuovo sito di Emilia Romagna Teatro Fondazione.

Emilia Romagna Teatro Fondazione, Modena
realizzazione sito internet Web and More S.r.l.